Il primo tour operator italiano specializzato nel turismo storico

Facebook Twitter Feed RSS LinkedIn

Chi siamo | Presentazione | IT      

by Inter-Studioviaggi S.p.A.

La Preistoria in Valle Camonica




Proposta personalizzabile sia dal punto di vista della durata (da 2 a 3 giorni), sia per la definizione dell'itinerario (visita al Parco Archeologico di Luine, alla Riserva Regionale delle Incisioni Rupestri di Ceto-Cimbergo-Pasparo, al Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane con i suoi laboratori didattici, al Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo, all'Archeopark di Darfo Boario Terme con i suoi numerosi programmi didattici, al Graffitipark di Capo di Ponte con l'annesso Archeodromo).

Le mete del viaggio qui proposte sono quelle a nostro avviso più significative dal punto di vista del turismo scolastico; è però possibile sottoporci differenti località che possono essere integrate con le nostre ed ottenere così un preventivo personalizzato e specifico per le vostre esigenze.



LE METE DEL VIAGGIO. Vedi tutto Nascondi tutto

Parco Archeologico di Luine: è situato su una collina sopra Darfo Boario. Nel Parco, istituito negli anni '70, sono proposti tre itinerari diversi attraverso cui si scoprono le numerose incisioni con scene di caccia, guerra, di vita quotidiana o aspetti religiosi degli antichi abitanti della Valle. Pur nella presenza di tutti i periodi istoriativi ha una netta prevalenza di raffigurazioni l'età del Bronzo: la ricchezza di incisioni, temi, composizioni non ha confronti con altri siti. Riserva Regionale delle Incisioni Rupestri di Ceto-Cimbergo-Pasparo: è situata nella media Vallecamonica in provincia di Brescia ed è stata istituita dalla Regione Lombardia nel 1983 su indicazione dei comuni di Ceto, Cimbergo, Paspardo e del Centro Camuno di Studi Preistorici, con lo scopo di proteggere una vasta area in cui erano presenti rocce istoriate con incisioni rupestri preistoriche, congiuntamente ad una serie di importanti elementi etnografici ed ambientali riguardanti l'evoluzione dell'habitat alpino nei millenni: antichi sentieri, muraglioni megalitici, resti di "castellieri" preistorici, cascinali e terrazzamenti agricoli preistorici e medievali, castagneti ed ambiti microclimatici.
Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane: rappresenta una briciola nell'oceano di incisioni (centinaia di migliaia secondo gli studiosi) che inonda la Valcamonica; il suo perimetro comprende 103 rocce incise, distribuite in 60 ettari di bosco sul versante sinistro della media Valcamonica. I cinquecento metri di altitudine conferiscono all'ambiente del parco un quieto aspetto collinare, nonostante esso sia attorniato da vette prossime ai duemilacinquecento metri di quota.
Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo: fu inaugurato nell'ottobre del 2005 e costituisce l'ampliamento di una piccola area demaniale, detta "dei Massi di Cemmo", esistente fin dal 1964. Fortunati ritrovamenti archeologici avvenuti durante l'allestimento del parco ne hanno arricchito la connotazione di luogo di culto con pietre incise: gli scavi condotti dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici tra il 2000 ed il 2007 hanno portato alla luce un santuario strutturato, fondato nell'età del Rame (III millennio a.C.) e perdurato, con soluzioni di continuità, nell'età del Ferro e in epoca romana, fino a che, tra tarda antichità e Alto Medioevo, fu disattivato ad opera dei Cristiani in quanto sede di cerimonie e culti pagani.
Archeopark di Darfo Boario Terme: è un grande museo interattivo all'aperto creato per rivivere il passato attraverso ricostruzioni, su base scientifica, di insediamenti preistorici sotto la costante e diretta osservazione dell'ideatore del parco stesso. In uno spazio di circa centomila metri quadrati immerso nella natura è possibile ripercorrere e rivivere 15.000 anni di storia degli antichi Camuni e delle genti padane ed alpine. La caratteristica peculiare di questo grande parco tematico polifunzionale è costituita dal fatto che non è solo da visitare, ma da vivere.
Graffitipark di Capo di Ponte: è stato ideato e realizzato dall'archeologo Ausilio Priuli al fine di rendere più accessibile e comprensibile la storia e la vita delle genti alpine e camune preistoriche; è un museo vivo nel quale si possono ripercorrere le tappe della creatività e dell'arte dell'uomo. Nel museo è attivo un laboratorio di Archeologia Sperimentale nel quale i visitatori e i gruppi guidati possono ripetere i gesti dell'uomo dei passato: usare i colori naturali, incidere, rilevare le incisioni, affilare un'ascia in pietra, accendere il fuoco, tessere, ecc...



LE IMMAGINI.

Il Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo   Il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane   L'Archeopark di Darfo Boario Terme

L'Archeopark di Darfo Boario Terme   L'Archeodromo di Graffitipark di Capo di Ponte   L'Archeodromo di Graffitipark di Capo di Ponte


Tutte le immagini presenti nel sito sono di nostra proprietà o inviateci dai nostri collaboratori. Qualora qualcuno ci comunicasse di possederne legittimamente i diritti di riproduzione, provvederemo all'immediata rimozione dal sito.




Se desideri ricevere un preventivo personalizzato e su misura per le tue esigenze, realizzato da dei professionisti del turismo e studiato dai nostri collaboratori storici, compila la scheda sottostante e verrai al più presto ricontattato dal nostro personale.